Shop Libertà Indefinita, Manifesto della democrazia integrata

copertina

Potete comprare questo saggio sia in formato ebook sia in formato cartaceo nei seguenti book store online oppure ordinandolo nelle migliori librerie.

YOUCANPRINT               GOODBOOK

IBS                                   LIBRERIA UNIVERSITARIA

AMAZON                          BOOKREPUBLIC

GOOGLE PLAY               KOBOBOOKS

TIMREADING                   LAFELTRINELLI

QUARTA DI COPERTINA

“… un fecondissimo timbro antiadattivo che attraversa ogni pagina …”
Diego Fusaro

In un periodo storico in cui i regimi politici, anche se democratici, vengono sempre più contestati e sfiduciati nelle piazze e nelle urne, Giuseppe Cirillo ha il coraggio di assaltare il dogma fondamentale e incontestabile della nostra società: quello della libertà. Il vessillo della libertà deve essere ammainato e riconsegnato ad ognuno di noi, su questa premessa si fonda la proposta teorica alternativa che Cirillo chiama democrazia integrata.

DESCRIZIONE DELL’OPERA

Il “Manifesto della democrazia integrata” costituisce un trattato in cui l’autore illustra la sua proposta politica nell’ordine della realizzazione di un sistema garante del massimo grado di libertà per ciascun individuo. Una disquisizione nel più ampio senso politico (che include anche la filosofia e la storia) che trae ispirazione da un’analisi delle definizioni esistenti sul concetto di “libertà”. Giuseppe Cirillo ha ideato un dialogo fittizio con un fantomatico interlocutore con cui si procede alla critica del sistema mondiale quale quello che conosciamo, inteso come una dittatura e una gabbia per l’individuo, nell’esplorazione della vacuità se non dell’insensatezza di diritti umani naturali, nell’analisi delle visioni sullo stato di natura e nel predominio della forza su qualsiasi altro ordine di leggi. Una critica al sistema che muta in proposta costruttiva di trasformazione per consentire una più generale e ampia partecipazione degli individui nella gestione del pubblico, inteso come l’insieme dei poteri esistenti nella società, evitando così una “dittatura della maggioranza”.