Scenari post 4 Dicembre: Renzi-bis o governo tecnico/di scopo

renziIl 4 Dicembre si avvicina e finalmente ci libereremo di tutte queste polemiche su questa pasticciata e inutile riforma costituzionale e probabilmente anche del nostro amato premier. Premesso che voterò NO per due motivi principali: primo, Renzi ha personalizzato il voto in maniera irresponsabile e da semplice elettore non devo essere io a responsabilizzarmi e quindi a depersonalizzare il referendum, perciò dato che Renzi ha posto il referendum come un quesito su se stesso, a me lui e quello che rappresenta non piace e quindi primo motivo per il NO; secondo io da elettore e cittadino con questa riforma perdo potere, dato che viene istituito un Senato che anche se ridotto nelle sue funzioni, detiene comunque un residuo potere legislativo quindi un potere anche su di me. Potere nei miei confronti che io eleggerò in maniera molto indiretta diluendo di conseguenza il mio potere effettivo di elettore e cittadino e penso che se non si hanno tendenze masochiste, nessuno, di sua spontanea volontà, si autoriduce il proprio potere, quindi secondo e chiaro motivo per votare NO, non voglio perdere ulteriormente potere. Se questa riforma aboliva il Senato, sarebbe stato un altro discorso.

Detto questo, non facciamoci illusioni, questo referendum, come la vittoria di Trump negli USA, non è una rivincita del popolo nei confronti delle élite e dei poteri forti,  è soltanto l’affermassi di una tendenza al posto di un’altra ma in sostanza cambia poco. Comunque la vittoria del NO dovrebbe essere in teoria scontata, se si sommano le percentuali di voto dei i partiti che parteggiano per il NO cioè M5S, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega Nord, Sinistra Italiana e almeno un quarto del PD si arriva al 64-65%. Quindi possiamo tranquillamente affermare che la vittoria del fronte del NO è molto probabile. Detto questo vediamo alcuni scenari.

1) VITTORIA DEL SI: questo scenario che riteniamo al limite del fantasy, nel caso dovesse verificarsi farebbe subito pensare a forti brogli soprattutto nel voto degli italiani all’estero e quindi sono molto probabili ricorsi, manifestazioni e magari un referendum bis come successo in Austria per le elezioni presidenziali. Se invece l’esito superasse eventuali verifiche, il renzismo avrebbe la strada spianata fino al 2018 e tornerebbe ad essere il carro del vincitore. La vecchia guardia PD verrebbe spazzata via e anche i partiti di opposizione avrebbero seri problemi interni.

2) VITTORIA DEL NO SOTTO IL 55%, RENZI-BIS?: questo scenario secondo la medie dei sondaggi sembra essere il più probabile. Considerando il peso dei partiti e dei personaggi che si sono espressi contro la riforma, non sarebbe a mio avviso una grandissima sconfitta per Renzi, abbiamo visto che i partiti per il NO arrivano al 64-65% quindi vuol dire comunque che il fronte del SI avrà tolto elettori a quei partiti. Nel caso si verificasse questo scenario, Renzi ne uscirebbe sicuramente indebolito ma non distrutto, dimostrebbe anzi di avere una certa forza residua. Questo potrebbe portare ad un Renzi-bis, che dovrà ovviamente aprire a Forza Italia, magari con un rimpasto che faccia entrare qualche altro uomo di Berlusconi nel governo, così da creare un governo di scopo guidato dallo stesso Renzi che si impegna assieme a Forza Italia a trovare un accordo per una legge elettorale diversa che soprattutto non porti ad una facile affermazione del M5S nel 2018. Quindi Renzi-Bis a guida di un governo di scopo anti-M5S.

3) VITTORIA DEL NO SOPRA IL 55%, GOVERNO TECNICO O DI SCOPO: questo scenario è meno probabile del secondo, ma potrebbe alla fine verificarsi considerando come abbiamo visto prima il peso politico-elettorale del fronte del NO. Una sconfitta ampia del fronte del SI, porterebbe probabilmente alle rapide dimissioni di Matteo Renzi se non addirittura alla suo ridimensionamento/scomparsa politica. Molto probabilmente parte del PD, alleati di governo, Forza Italia e magari anche Sinistra Italiana, dovranno mettersi d’accordo per un nuovo premier che possa guidare un governo di transizione fino al 2018 gestendo sia le ripercussioni finanziarie della caduta del governo in un momento delicato per i nostri bilanci pubblici sia la formazione di nuova legge elettorale anti-M5S. A nostro avviso possiamo individuare cinque sotto scenari: a) GOVERNO TECNICO-DIPLOMATICO: data la difficile congiuntura geopolitica non è da escludere un governo tecnico con un forte orientamento verso la politica estera, tra i papabili Gentiloni, Mogherini o Pinotti. Mattarella potrebbe spingere verso un nome del genere date le preoccupanti dinamiche a livello internazionale che necessitano sicuramente di un volto conosciuto. Un governo del genere porterebbe probabilmente ad un maggiore impegno italiano in funzione anti-russa e anche negli attuali scenari di guerra; b) GOVERNO TECNICO-FINANZIARIO: dato il grave stato dei conti pubblici e il forte rallentamento degli ultimi mesi, la politica potrebbe lasciare l’onere di nuove tasse e nuova austerità nel 2017 ad un tecnico, tra i papabili Padoan, Boeri, Cottarelli o un altro tecnico del settore meno probabili Monti o Draghi; c) GOVERNO POLITICO DI SCOPO: come abbiamo visto sopra, un governo con lo scopo principale di formare una nuova legge elettorale anti-M5S potrebbe avere anche una caratura più politica tra i papabili oltre al Renzi-bis, Franceschini, Gentiloni, Grasso, Alfano meno probabile; d) NESSUN ACCORDO, NESSUN GOVERNO: potrebbe non trovarsi nessuna maggioranza per un nuovo premier e al tempo stesso Mattarella potrebbe non indire nuove elezioni. Un remake delle passate situazioni spagnola o belga che potrebbe portarci anche fino al 2018, con forti ripercussioni a livello di spread e di conti pubblici; e) ELEZIONI ANTICIPATE: molto difficile che Mattarella indica elezioni anticipate con una legge elettorale modificata dalla Consulta e che alla Camera darebbe sicura vittoria ai Cinque Stelle, riteniamo molto improbabile questo scenario.

Queste a nostro avviso le principali tendenze post 4 Dicembre, il tutto probabilmente condito dallo spauracchio dello spread e da un’ennesima ed artificiale crisi di credibilità verso il nostro paese. In qualsiasi caso la sconfitta di Renzi non cambia l’ordine del giorno che chi ci segue conosce bene, cioè la graduale cessione di sovranità del nostro paese verso il Superstato Europeo. Con Renzi se ne va un tentativo forse un po’ troppo evidente di conquistare l’Italia, ma il discorso non cambia, attraverso il sicuro successivo attacco dei mercati e con la minaccia russa alle porte ci saranno ulteriori occasioni per toglierci la sovranità. A nostro avviso tentare di resistere a questa tendenza con anacronistici nazionalismi non porterà da nessuna parte, l’unica cosa che manca e che potrebbe veramente cambiare le sorti dei popoli europei, è una reazione unita degli stessi nei confronti delle élite tecno-finanziarie. Le reazioni esclusivamente nazionali,regionali o settoriali non porteranno a nessun risultato. Se questo articolo ti è piaciuto, non perderti Libertà Indefinita, un saggio sulla libertà e sulla legittimità di un sistema, il nostro, sempre più contestato dalla popolazione.banner liberta indefinita
CONDIVISIONE  E’ RIVOLUZIONE
Se apprezzi il nostro lavoro continua a seguirci cliccando su una delle icone sottostanti

Visit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On TwitterCheck Our Feed

Sono Giuseppe Cirillo alias Fenrir, l’autore di questo blog. Nei nostri articoli ci sforziamo di offrire un’angolazione e una visione diversa rispetto ai media di regime. Per qualsiasi domanda o per un’eventuale collaborazione contattami alla seguente mail: fenrir1489@gmail.com 

 

 

Il dollaro sta per disintegrarsi?

E se il Brexit fosse voluto?

USA: la guerra civile è inevitabile?

2016-2018: USA in guerra civile

Donald Trump, l’ultimo imperatore

L’ascesa di Trump, la discesa degli USA

 

 

  • Pingback: Cosa succederà dopo il 4 Dicembre? Renzi-bis o governo tecnico? | Scenarieconomici.it()

  • Diego Ender

    Concordo sul fatto che Renzi ha sbagliato a trasformare il referendum da un diritto costituzionale del popolo a decidere per conto suo ad un referendum su se stesso a titolo di confermazione e consacrazione che possa ovviare al semplice fatto che lui non è stato eletto da nessuno (questo lo sa e cerca in qualche modo di porvi rimedio perché anche se nascosto ciò lo non legittima come vorrebbe e dovrebbe)
    La costituzione prevede che dopo che i parlamentari abbiano fatto tutti quei bei passaggi alle camere (e qui secondo me non ha senso lo schierarsi dei politici soprattutto del “fronte del no” perché io dico loro se hanno dormito o che altro nel frattempo) tocchi al popolo decidere.
    E noi, popolo, siamo diviso equamente tra ignoranti in materiale politica, paranoici come il sottoscritto, più o meno esperti seri, e strafottenti.
    A noi, popolo, con queste doverose premesse deve essere lasciata libertà di sbagliare e non dovrebbero esserci tutta questa ermeneutica del quesito elettorale che mira solo a influenzarci.
    Se io ho le mie idee, io me le tengo anche se sbagliate e se sbaglio pago. Questa per me è la democrazia.
    Avere la libertà di sceglie ed il diritto anche di sbagliare.
    Premesso questo io sono per il sì proprio perché il sistema diventa più “piccolo”, più “accentrato” e quindi in futuro più semplice da riformare seriamente.
    E’ più semplice ritengo rovesciare un’oligarchia che riformare una democrazia.
    Tolto questo dico che Renzi è stato causa del suo male, ha tradito il premier del suo stesso partito per prenderne il posto e questo per me lo classifica immediatamente tra gli “adulteri” (so che sa di catechismo ed in effetti è quello il suo senso).
    L’adulterio che ha commesso ne ha rilevato la natura intima, ha scoperto il suo animo ed infatti, come un ladro, sta cercando di “rubare” la legittimazione appropriandosi di qualcosa di cui non ha diritto: il nostro referendum.
    Ha sicuramente amministrato meglio di altri, ha alzato la voce in Europa, ma non è uno statista e purtroppo all’orizzonte statisti non se ne vedono.
    E poi c’è l’Europa: potremmo essere una vera confederazione, una superpotenza e siamo solo un’accozzaglia male assortita. Un bel potenziale e basta (un po’ come l’Inter di questi anni direi da tifoso).
    La Germania ha esercitato male il suo influsso, ha servito i suoi scopi con una visione a corto raggio, e la prova ne è l’accordo con la Turchia che andrebbe non solo isolata ma espulsa fisicamente anche dall’Europa.
    Dov’è il cuore in questa Europa? Che ideali ha? Dodici stelle che rappresentano cosa oramai?
    Nel mio sogno c’è una Confederazione Boreale, noi e i russi insieme, stessa base culturale e religiosa. Alleati economici di Cina e India e amici degli USA (senza la NATO e le loro basi in Europa).
    Sette stelle soltanto, come le stelle dell’Orsa Maggiore, che rappresenterebbero i nostri sette mari di confine:
    Artico, Atlantico, Mediterraneo, Mar Egeo (l’ho separato intenzionalmente dal Mediterraneo per rafforzare la separazione dalla Turchia), Mar Nero, Mar Caspio, Pacifico.
    Poi, tra centocinquanta anni, ne potremmo riparlare e abbracciare il resto del mondo ma da fratelli e non da sottomessi (politicamente e spiritualmente).

    Ps: sono solo i miei pensieri pertanto a valenza politica nulla. ;)

  • rinaldo lagomarsino

    Analisi impeccabile anche se spero che l’ultima ipotesi sulla spinta della cosiddetta “accozzaglia” dello svhieramento del NO pretenda da matarella una colsulta elettorale. Certo è improbabile perché la maggioranza dall’accozzaglia sa che accordi col M5S sono impraticabili e quindi ci può essere un incucio bis…la seconda peggiore ipotesi dopo quella che rimanga saldo al potere il 2fanta-bugiardo al governo.